Comprare casa: perche’ scegliere un immobile da ristrutturare

La decisione di acquistare un nuovo appartamento comporta non solo un investimento economico notevole ma anche tutta una serie di dubbi ed ansie che inevitabilmente ci attanagliano e che spesso non ci permettono di valutare in maniera ponderata quale sia la strada giusta da intraprendere.

Per questo consigliamo sempre di rivolgersi ad un Professionista che possa valutare in maniera tecnica le peculiarità e i difetti dell’immobile che abbiamo individuato, al fine di giungere alla perfetta consapevolezza del valore e delle potenzialità di ciò che ci accingiamo ad acquistare

Per risparmiarci almeno alcune di queste preoccupazioni spesso pensiamo sia meglio rivolgere la nostra attenzione verso l’acquisto di un immobile di nuova costruzione perchè crediamo che tali unità immobiliari siano esenti da difetti o vizi occulti e in quanto questa decisione non andrà a comportare un impegno economico e mentale successivo al rogito.

Non sempre tale scelta però si rivela la più semplice da percorrere e la più soddisfacente per quanto concerne il risultato finale e, di sicuro, non risulta la meno dispendiosa a livello di capitale investito.

In primo luogo perchè il costo di acquisto di un immobile da ristrutturare è molto più basso e generalmente più trattabile di quello di un appartamento di pari metratura nuovo o di recente costruzione e il successivo impegno economico da sostenere per l’esecuzione dei lavori beneficia di agevolazioni fiscali che permettono un notevole risparmio, a differenza della cifra investita nell’acquisto di una nuova unità immobiliare che non gode di sgravi fiscali ed è quindi da considerarsi a carico dell’acquirente nella sua completezza.

Le detrazioni fiscali finalizzate al recupero del patrimonio edilizio esistente permettono, infatti, di recuperare nell’arco di 10 anni una percentuale variabile, ma consistente, della cifra investita per la ristrutturazione e per tutte le spese collaterali quali compensi professionali, IVA ed eventuali oneri da corrispondere agli uffici competenti per il rilascio delle necessarie autorizzazioni.

Senza scendere nel dettaglio, la nuova Legge di Bilancio ha confermato fino al 31 Dicembre 2020 il cosiddetto Bonus Ristrutturazioni il quale permette una detrazione fiscale del 50% dell’importo investito per i lavori di Manutenzione Straordinaria fino ad un massimo di € 96.000,00, oltre all’Ecobonus che premia con una detrazione IRPEF pari al 50% o al 65% a seconda della tipologia di intervento finalizzato all’efficientamento energetico dell’immobile.

Sono presenti, inoltre, incentivi per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici (Bonus Mobili) e per la riqualificazione di terrazze e giardini anche condominiali (Bonus Verde), oltre al cosiddetto Sismabonus che riguarda interventi più complessi e può essere utile nel caso si voglia migliorare la classe sismica del fabbricato.

Al di là dell’evidente risparmio economico che comporta la scelta di un immobile da ristrutturare dunque, vanno tenuti in considerazione anche altri aspetti non secondari, in quanto influiscono notevolmente nella qualità di vita successiva dell’intero nucleo familiare.

Primo fra tutti la possibilità di individuare un immobile all’interno della porzione di contesto urbano che preferiamo, quello magari dove siamo cresciuti e a cui siamo affettivamente legati, che riteniamo più sicuro per i nostri figli o semplicemente vicino ai nostri cari e più comodo per la nostra routine familiare quotidiana.

Gli appartamenti che oggi definiamo datati presentano, inoltre, ampie metrature e spazi abitativi più comodi, caratteristiche che si uniscono allo sviluppo dell’unità immobiliare prettamente su un unico piano permettendo una vivibilità molto diversa rispetto agli immobili di nuova costruzione concepiti secondo la moderna logica dell’ottimizzazione del rapporto costo/superficie e che presentano dimensioni dei locali ridotte ai minimi normativi articolandosi anche su due o più livelli.

Senza considerare il vantaggio della totale personalizzazione della suddivisione degli ambienti interni che può essere studiata per soddisfare totalmente le nostre abitudini di vita, oppure la libertà di scegliere colori e finiture che portino alla creazione di un ambiente che ci rispecchi completamente e ci faccia sentire veramente a casa.

Quando parliamo con i nostri clienti circa tali aspetti, la replica che spesso ci viene avanzata è che, scegliendo un immobile da ristrutturare, risulta difficile capire quale sarà l’importo complessivo da sostenere per le lavorazioni e nel caso, molto frequente, di un budget prestabilito, questa incertezza porta ansie e preoccupazioni che tendono ad orientare la scelta verso un immobile di nuova costruzione e spingono ad accettare notevoli compromessi a vantaggio di un costo complessivo più elevato, ma già da subito fissato.

Altra considerazione che viene spesso fatta è il timore di farsi carico di un ulteriore impegno mentale nel seguire le varie fasi della ristrutturazione stessa, impegno che sovente non si vuole aggiungere a ritmi di vita pesanti o a questioni lavorative e personali.

In realtà queste preoccupazioni sono ingiustificate se ci affidiamo ad un Professionista specializzato nelle ristrutturazioni che seguirà per noi tutte le fasi indispensabili per giungere al completamento dell’opera, a maggior ragione se scegliamo la formula “Ristrutturazione Chiavi in Mano” che sta prendendo campo ormai da diversi anni e che, se sviluppata con serietà e professionalità, una volta stabiliti i parametri entro cui operare, garantisce la completa tutela del prezzo fissato e nessun impegno da parte del cliente.

Ovviamente queste prestazioni professionali comportano un costo, il quale però risulta ininfluente dal punto di vista percentuale se paragonato all’investimento economico complessivo che ci accingiamo ad intraprendere, garantendoci, d’altro canto, quella tranquillità e sicurezza di cui abbiamo bisogno per affrontare serenamente questo importante passo.

Affidarsi ad un Professionista per acquistare e ristrutturare una casa è dunque una scelta che non presenta sorprese, conviene dal punto di vista economico e non impone alcun compromesso.

Related Posts

SiBonus. Nasce la piattaforma di Infocamere per vendere e comprare crediti d’imposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *