SiBonus. Nasce la piattaforma di Infocamere per vendere e comprare crediti d’imposta

L’interessante novità di questi ultimi giorni, a corredo del tema inerente il Superbonus 110% ormai operativo già da qualche mese, è sicuramente l’istituzione di una piattaforma web lanciata da InfoCamere (società delle Camere di Commercio per l’innovazione digitale) creata con l’intento di consentire la compravendita dei crediti fiscali che, sommati appunto al Ecobonus e ai bonus ordinari sui lavori in casa, da luogo alla nascita di una vera e propria “moneta fiscale”.


Il sito in oggetto, semplificato ed intuitivo, accessibile tramite SPID o la CNS, è denominato SiBonus ed è stato concepito con l’idea di creare un luogo virtuale, cioè un vero e proprio punto di incontro telematico, tra la domanda e l’offerta inerente la cessione dei crediti maturati, col chiaro proposito di accelerare, di molto, i tempi richiesti dalla burocrazia: si tratta pertanto di un pratico ed aggiornato portale di annunci che va ad interessare sia chi cerca liquidità, dopo aver effettuato determinati lavori presso la propria abitazione o aver dato luogo allo sconto in fattura, sia chi ha intenzione di risparmiare dando forma a crediti di natura fiscale ad un prezzo scontato, per poterli poi utilizzare in compensazione a prezzo pieno o richiederne il rimborso.


Ecco quindi come la vera grande innovazione contenuta nel Decreto Rilancio è rappresentata dalla cessione a terzi del credito, ad ampio raggio, prevista per i lavori edilizi; i cittadini e le imprese possono infatti cedere il credito di imposta maturato sui lavori di ristrutturazione, riqualificazione energetica e messa in sicurezza sismica che sono stati eseguiti nel 2020 e nel 2021. La cessione di tale credito che ha come intento quello di rendere più celere la procedura di recupero della detrazione fiscale spettante e la possibilità di richiedere l’applicazione dello sconto in fattura all’impresa, apre il mercato delle ristrutturazioni in casa anche ai contribuenti che non dispongono di una adeguata liquidità per porre in essere la spesa dovuta.
SiBonus, oltre a prefiggersi come obiettivo quello di favorire circolazione di liquidità nel mercato, stimolare e supportane la ripresa, è stato quindi creato e pensato per tutti coloro interessati a vedere e comprare. Il soggetto che ha ristrutturato un abitazione nel 2020 pagando l’impresa, ha la possibilità di inserire il proprio annuncio per la cessione del bonus fiscale che ha maturato; la stessa possibilità è accordata all’impresa che ha applicato lo sconto in fattura o ha offerto la cessione del credito al cliente che ha la possibilità di recuperare quanto anticipato in cambio della liquidità immediata. Coloro che vendono i titoli di imposta, stabiliscono il proprio prezzo che l’acquirente potrà, sulla base delle proprie necessità, rendere oggetto di valutazione.

InfoCamere, a chi intende acquistare i crediti di imposta, pone in evidenza come il mercato della cessione dei crediti, di fatto, rappresenti un settore in cui investire ad un rischio di livello basso: la cessione del Ecobonus 110%, ma anche di bonus casa di tipo ordinario, viene paragonata all’investimento in titoli di Stato, ma che comporta rendimenti sicuramente più elevati. L’acquisto del credito da privati o da imprese, inoltre, non comporta particolari rischi in quanto l’onere di eseguire le opere in modo corretto resta sempre e comunque in capo al beneficiario iniziale. L’acquirente dei titoli di imposta poi, avrà la possibilità di scegliere quale tipologia, che tipo di taglio e quali caratteristiche si avvicinano maggiormente alle proprie necessità.
A livello pratico, infine, si può sottolineare come il funzionamento del portale SiBonus, che prenderà l’avvio dal Nord-Est, prevederà tre semplici passaggi:
Annuncio: il cittadino o l’impresa immette l’annuncio del credito di imposta in suo possesso, indicando valore e prezzo a cui intende cederlo;
Accordo: il suddetto annuncio, apparià nella lista dei crediti di imposta presenti nella piattaforma ed il contribuente riceverà le richieste di acquisto. Sarà poi il cittadino o l’impresa a scegliere a chi vendere il credito di imposta;
Vendita: dopo aver stipulato il contratto di cessione del credito con il miglior offerente, dovrà essere effettuata l’operazione di cessione all’interno del cassetto fiscale, secondo le regole ordinarie previste dall’Agenzia delle Entrate.

Cosi, l’offerente avrà a disposizione il credito nel proprio cassetto ed il venditore riceverà l’importo pattuito.

Related Posts

Comprare casa: perche’ scegliere un immobile da ristrutturare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *